I Geni dei Vichinghi sono ancora presenti nei Siciliani e messi a dura prova da quelli discendenti dai negri da sabbia

Tom Von Oben
Il Daily Stormer
November 6, 2018

MidgardWear :

Tre erano donne, due erano bambini. Ma sono stati gli scheletri maschili a catturare l’attenzione degli archeologi locali che hanno scoperto le ossa all’inizio di quest’anno. Erano molto più grandi delle ossa dei “normali” siciliani, in quella che l’archeologo ha definito una costruzione “massiccia”.
Si ritiene che questi enormi scheletri fossero i discendenti dei Vichinghi che colonizzarono la Francia settentrionale e, più tardi, l’Italia meridionale e la Sicilia.
Un nuovo articolo pubblicato sulla rivista Science in Poland descrive come un team di ricercatori ha scoperto scheletri di navigatori nordici in Sicilia.
Durante l’VIII e il IX secolo, i Vichinghi iniziarono a viaggiare verso sud dalla Scandinavia per razziare i monasteri e le città di quella che è oggi la Francia. Nel 911 erano così presenti e feroci che il Re francese fu costretto a cedere parte della Francia settentrionale a loro. Alcuni vichinghi vi si stabilirono definitivamente, diventando alla fine noti come uomini normanni-norvegesi, in Normandia. Più tardi, lo stesso spirito vichingo li vide viaggiare in tutto il continente, in spedizioni nel Regno Unito e nel Sud Italia.
“Nella seconda metà dell’XI secolo”, ha spiegato in una nota il ricercatore capo Sławomir Moździoch, “[la Sicilia] è stata riconquistata dagli arabi da un nobile normanno, Roger de Hauteville”.
Si ritiene che questi scheletri fossero i discendenti di Hauteville e del suo equipaggio. Sebbene non siano stati trovati manufatti intorno alle ossa, Moździoch dice: “Alcuni dei morti sepolti nel cimitero erano indubbiamente membri delle élite, come indica la forma di alcune delle tombe”.
Il cimitero è vicino alle rovine di una chiesa, che secondo i ricercatori potrebbe anche essere stato costruito dai conquistatori normanni. Questo è stato fortificato e costruito su una collina, per un miglior vantaggio in tempi di guerra, mentre l’architettura è uno stile molto più occidentale dell’Europa rispetto a quello che è normale per la regione, ha detto Moździoch.
La Sicilia ha una storia a scacchi. E ‘stato variamente conquistata dalla tribù germanica dei Vandali, dalle forze bizantine musulmane, dai Normanni e dai Vichinghi e infine dai Re spagnoli.
Ma adesso è forse più famosa per essere il luogo di nascita della mafia siciliana, il sindacato del crimine organizzato noto per la sua spietatezza. Quanti dei suoi membri hanno sangue vichingo che scorre nelle loro vene, tuttavia, è una domanda per i secoli.

Sono circa dieci tombe, situate vicino alla chiesa di San Michele del Golfo (Palermo).

La Sicilia un tempo era popolata da guerrieri che viaggiarono in tutto il Mediterraneo prima ancora che le Piramidi di Giza si issassero su per la volta celeste.
Poi vennero i Greci, i Romani, e fu allora che , prima ancora dell’orda di Spartacus, gli schiavi si ribellarono contro l’Impero Romano.
Gli arabi furono in Siclia per breve tempo. La loro legge prevedeva che chi si convertiva non aveva più obbligo di pagare le tasse ma ovviamente questa opzione era per forza di cose riservata ai più abbienti, o nessuno avrebbe più pagato nulla mandando in bancarotta il regno.
Quello che dico è confermato dalla linguista Ilenia Contessa intervistata da Red Ice.TV :

E’ anche vero che c’e’ una parte di Siciliani bassa e con la pelle scura, sicuramente portante geni arabi ma un’altra larga parte porta ancor ai gnei vichinghi, e questa è stata ridotta in schiavitù psicologica ed economica dalla prima per via del Marxismo Culturale dominante.

La Sicilia non è Mafia più di quanto non lo siano le altre organizzazioni criminali sparse per il mondo comninciando da quella tribale nigeriana o la Yakuza giapponese.

Per quello che mi riguarda vedo il Sud Italia come il Sud degli Stati Uniti, battente la stessa gloriosa bandiera.

Perfino il Ku Klux Klan sembra avere origini siciliane.

Non la vedo bene una “miscegenation”, ossia incrocio di razze, tra i Siciliani, o generalmente i veri Sudisti, forti cristiani e tradizionali conservatori, con i subsahariani.

Fanno tanto i perbenisti, perfino radical chic, e liberali, ma duramente potrebbero farsi inculare dai negri.

Tuttavia, i discendenti dei negri da sabbia, o arabi, quelli che costituiscono l’ossatura mafiosa, coadiuvati dal Cultural Marxismo, hanno fatto in modo , con il loro operato senza cognizione di causa, da portarci a questo scontro di Civiltà, o della Civiltà contro l’inciviltà degli shithole.

Per quelli di loro che hanno sangue vichingo che scorre nelle loro vene ritrovare la loro forza identitaria nelle loro vere origini potrebbe fare una grande differenza nella Guerra che verrà.

Hail Victory

Commenti