La Bachelet è solo una volgare ipocrita marxista

Tom Von Oben
Il Daily Stormer
September 11, 2018

Ci sono Stati stranieri dove si viene frustrati se solo si beve un bicchiere di vino, dove le donne sono costrette ad uscire come dei barbapapà, incappucciate, dove non esiste la libertà di parola, di stampa, e di religione, ed esiste la pena di morte, oltre al diritto di …tortura…

Eppure l’Organizzazione delle Nefandezze Unite , o O.N.U., trova il tempo di mandare una squadra nel nostro paese perchè lo giudica “razzista”.

Puoi trovare porci corrotti dai marxisti ormai ovunque..anche all’O.N.U.

Il Giornale :

Sul curriculum dell’Alto commissario Onu Michelle Bachelet pesa, infatti, un comportamento molto ambiguo, soprattutto se si guarda al rapporto con Cuba, Nicaragua e Venezuela.
A mettere in fila le anomalie, chiamiamole così, dell’ex presidente del Cile ci ha pensato l’Ong Un Watch, che ha il compito di monitorare quello che accade all’interno del Palazzo di Vetro e che ha espresso numerosi dubbi sulla poca trasparenza e sulla velocità che hanno accompagnato l’elezione della Bachelet.
Qualche esempio? Durante la visita a Cuba, all’inizio del 2018, la Bachelet è stata fortemente criticata dai membri del suo stesso partito e dagli attivisti per i diritti umani per aver incontrato il generale Raúl Castro snobbando i membri dell’opposizione pacifica di Cuba. Non solo. Alla richiesta della leader dell’opposizione, Rosa María Payá, di incontrare i dissidenti per i diritti umani la Bachelet ha risposto picche, anzi, non ha proprio risposto.
Quando morì Fidel Castro ricorda ancora Un Watch – la Bachelet lo definì «un leader per la dignità e la giustizia sociale a Cuba e in America Latina». Lodi espresse anche per Chavez per «il suo più profondo amore per il suo popolo e le sfide della nostra regione per sradicare la povertà e generare una vita migliore per tutti».
E ancora, nel rapporto dell’Ong, viene citato poi il rifiuto di condannare il regime di Maduro insistendo invece «sul fatto che il problema del Venezuela sia la mancanza di dialogo, suggerendo che esiste una sorta di responsabilità condivisa». C’è infine il silenzio assordante sulle uccisioni di centinaia di manifestanti da parte del regime di Ortega in Nicaragua. Su come l’Italia invece tratterebbe migranti e rom, la «nuova Boldrini» invece forse straparla.

Ora un commissario bolscevico che si sente a capo di un politburo sovietico mondiale si sent ein diritto di giudicare una nazione come l’Italia..pensate con altre decine di c.d. shithole e Stati Musulmani dove razzismo, censura, negazione dei diritti dell’uomo sono in pieno corso di svolgimenti da anni, secoli…

Non c’e’ bisogno di andare a cercare esempi e fonti, nella stessa pagina del Giornale leggiamo questa notizia:

Il Giornale :

Finire in galera per aver fatto semplicemente colazione insieme ad una donna? Sì, in Arabia Saudita si può.
Questa assurda vicenda può sembrare una esagerazione eppure è quanto accaduto realmente ad un dipendente d’albergo finito in manette a causa del comportamento considerato come “indecente” e contrario alla morale musulmana.
L’uomo, un immigrato egiziano, è finito nel mirino della polizia per aver mangiato in un hotel del governatorato di Jeddah in un compagnia di una collega donna, ricoperta da un velo nero che le lascia scoperti solo gli occhi. Incautamente, però, l’egiziano aveva realizzato un breve filmato per immortalare quello che doveva essere solo una innocente scena che mostrava un momento di relax prima del lavoro.
Il video, postato su internet e subito divenuto virale con migliaia di visualizzazioni, è stato notato anche dalle autorità che sono subito intervenute. Il ministero del lavoro ha ordinato l’arresto immediato dell’uomo ed ha convocato il titolare dell’hotel per interrogarlo.

La Commissaria Bachelet dell’ O.N.U. ha mandato una sua squadra in Arabia Saudita per verificare le condizioni delle donne e degli immigrati in Arabia Saudita?

Oh..LoL… Forse non vuole farci sapere che ad esempio perfino Turismo è proibito in Arabia Saudita…

Wikipedia :

L’unico turismo esistente nel paese è quello religioso, ossia dei fedeli che vanno alla Mecca o a Medina. Sono sospesi a tempo indeterminato i visti turistici, pertanto non è possibile recarsi nel paese a meno di non avere un permesso lavorativo. Sotto questo aspetto il paese non sembra interessato allo sviluppo del settore.

Michelle Bachelet…fai cagare…

Commenti