La Nike crede nel Genocidio Bianco e lo promuove

Tom Von Oben
Il Daily Stormer
September 9, 2018

La Nike, nota marca di articoli sportivi, ha scritturato per la sua pubblicità un negro di merda , giocatore di football dell’NFL americana. Negro di merda perchè l’anno scorso fu il promotore dell’iniziativa che coinvolse gli altri suoi colleghi atleti scimmia ad inchinarsi durante l’Inno Nazionale per protestare , a suo modo, contro la discriminazione razziale negli Stati Uniti.

Un negro di merda che sputa sulla Nazione che gli ha dato i natali e gli ha anche permesso di arrivare a giocare per una squadra nazionale di football. Un ingrato porco maiale.

Bene. A me onestamente la Nike non è mai piaciuta, o altre marche di vestiario che sfoggiano i gangster negri

e sono copiati dalle nostre giovani generazioni di bianchi senza identità e memoria:
cappellino da scemo, pantaloncini larghi, ciabatte e calze bianche, canotte anche se al posto delle braccia hai due grissini matita.

Deboli fottuti.

Se avete un minimo di orgoglio bianco, e possedete delle scarpe Nike..allora bruciatele:

Se avete un minimo di orgoglio bianco e nazionalista ribellatevi a questo schifo che promuove i gangster negri indegni e le società indegne per azioni guidate da consigli di amministrazione retti da kike, lo dovete ai nostri caduti e ai nostri veterani:

Questa scimmia non ha niente da spartire con migliaia di anni di conquiste dell’uomo bianco, e si vede:

La Nike?

La Nike ha lavoratori , all’80% donne, che attualmente stanno cucendo NIKE per 20 centesimi all’ora e lavorano da 70 a 80 ore alla settimana nel terzo mondo di negri e non bianchi che questi ipocriti con l’inganno vogliono portarci, e ci portano, dentro le nostre case e nelle nostre famiglie.
Quindi la NIKE trae profitto da tutto questo sfruttamento al fine di pagare Colin Kaepernick, la scimmia sportiva disoccupata e in ginocchio per sfregio dell’Inno di una Nazione che non ama, milioni di dollari per parlare contro oppressione e ingiustizia?

Nike fa rima con Kike.

Ok , via con i meme:

Commenti