Passeggeri linciano una Rom: questo è il Fine della Civilizzazione voluto ed imposto dalle Sinistre

Tom Von Oben
Il Daily Stormer
December 6, 2018

E’ controverso. Ma se leggete tra le righe non lo è.

Noi Bianchi dobbiamo dimostrare sempre di non essere volgari animali malgrado per anni delle bestie schifose ci abbiano governato.

La Rabbia che sfocia nella Violenza improvvisandoci giustizieri non farà di noi delle persone migliori.

Utilizzate meglio queste energie contro chi ha voluto creare queste spiacevoli situazioni e non contro chi è stato lobotomizzato da pseudoculture aberranti ed importato per parassitare in seno alle linfe vitali della nostra Società da esseri abietti e crudeli…

Il Giornale :

Siamo alla fermata di San Giovanni della metro A di Roma. La vicenda è di quelle di cui le cronache sono piene zeppe: una ladra rom tenta di sottrarre un portafoglio ad un ignaro passeggero.
Normale? No, ma nella città eterna accade spesso. Solo cher stavolta la nomade ha rischiato davvero grosso, con la folla che per di linciarla l’ha pure sottratta ai vigilantes.
Secondo quanto racconta su Facebook la cronista di RaiNews24, Giorgia Rombolà, dopo il furto sventato sarebbe nato “un parapiglia” per picchiare la giovane nomade. “Una giovane, credo rom, tenta di rubare il portafoglio a qualcuno – scrive la cronista – La acciuffano e ne nasce un parapiglia, la strattonano, la bimba che tiene per mano (3/4 anni) cade sulla banchina, sbatte sul vagone. Ci sono già i vigilantes a immobilizzare la giovane (e non in modo tenero), ma a quest’uomo alto mezzo metro più di lei, robusto (la vittima del tentato furto?) non basta. Vuole punirla”.

Capisco la frustrazione di molti cittadini che devono assistere allo scempio della sicurezza pubblica da anni, al degrado, a tenere sempre i nervi su un filo di rasoio, ma credo che questa frustrazione ora incominci a scoppiare in maniera sempre più plateale ed evidente.

Purtroppo non tifo per queste persone che si lasciano prendere da voglie di giustizia immediata. La ladra era già nelle mani dei vigilantes, se è vero quello che c’e’ scritto in quel resoconto, pugni ad una donna già immobilizzata e con una bambina tra le braccia, che poi le cade, credo siano il punto più basso che un uomo che si dice civilizzato possa mai toccare.

E tutto ciò è vero tanto quanto il fatto che questi nomadi non dovrebbero interagire con la nostra Società.

Ricordatevi che quando si combatte un nemico si finisce per assorbire le caratteristiche del proprio nemico.

Ed ecco che dopo cerca di “strapparla ai vigilantes tirandola per i capelli” e “la picchia violentemente, anche in testa”. Una volta che la “libera” (per modo di dire) dalla stretta dei due agenti, “la strattona fina a sbatterla contro il muro, due, tre, quattro volte. La bimba piange, lui la scaraventa a terra“.
La Rombolà racconta di aver provato a fermare la furia dell’uomo e, solo una volta conclusosi il parapiglia, di essere rientrata nel vagone della metro. Qui sarebbe stata circondata dagli altri passeggeri. “Un tizio – racconta – che mi insulta dandomi anche della puttana dice che l’uomo ha fatto bene, che così quella stronza impara. Due donne (tra cui una straniera) dicono che così bisogna fare, che evidentemente a me non hanno mai rubato nulla”. Lei prova a dire che gli unici preposti ad intervenire sarebbero i vigilantes, fa notare la bimba caduta a terra ma “dicono che chissenefrega della bambina, tanto rubano anche loro, anzi ai piccoli menargli e ai grandi bruciarli. Un ragazzetto dice se c’ero io quante mazzate”. Insomma: i passeggeri sembrano non aver apprezzato l’intervento della cronista, additandola come “comunista di merda” e “radical chic”.

Mi chiedo se questa stessa rabbia quei passeggeri non l’hanno espressa durante i precedenti Governi che ci stavano avviando al baratro.

Non è che cambieremo le cose facendoci giustizia da soli.

Paradossalmente , se le cose stanno in quel modo, avrei cercato di spiegare a quei passeggeri che il problema non si risolverà giustiziando quella Rom ma ben altri traditori.

Avrei condannato simili comportamenti violenti e allo stesso tempo avrei fatto usare quella violenza psicologicamente contro i nostri veri nemici.

Resta comunque un segnale d’allarme così come restano le colpe di chi ci ha ridotto in questa situazione e persiste a mantenerla contrastando le Politiche Attive di Sicurezza promosse da Matteo Salvini.

Mantenete la calma, al massimo , dopo aver assicurato ladri, spacciatori e stupratori alle Forze dell’Ordine, andate a sputare contro Renzi, Boldrini&Company, vi sentirete e mi sentirò meglio di adesso dopo aver appreso che quel rifiuto esistenziale è stato picchiato e svilito ulteriormente di una qualunque parvenza umana facendo da specchio ai suoi giustizieri aggressori, o miei simili.

Commenti